Velleio Historiae Romanae Liber Posterior 5

Versione Latino

Ante tempus excisae Numantiae praeclara in Hispania militia D. Bruti fuit, qui penetratis omnibus Hispaniae gentibus ingenti vi hominum urbiumque potitus numero, aditis quae vix audita erant, Gallaeci cognomen meruit. 2 Et ante eum paucis annis tam severum illius Q. Macedonici in his gentibus imperium fuit, ut, cum. Urbem Contrebiam nomine in Hispania oppugnaret, pulsas praecipiti loco quinque cohortes legionarias eodem protinus subiré iuberet, 3 facientibusque omnibus in procinctu testamenta, velut ad certam mortem eundum foret, non deterritus proposito, quem moriturum miserat militem victorem recepit: tantum effecit mixtus timori pudor spesque desperatione quaesita. Hic virtute ac severitate facti, at Fabius Aemilianus Pauli exemplo disciplina in Hispania fuit clarissimus.

Traduzione Italiano

[5.1] Prima del tempo in cui fu espugnata Numanzia, la più famosa campagna di Spagna fu quella compiuta da D. Bruto; egli si era meritato il cognomen di Gallecio, poiché si era introdotto in mezzo a tutti i popoli della Spagna con un esercito composto di molti uomini e si era impossessato di un gran numero di città, utilizzando una strada che appena era conosciuta. [5.2] Prima ancora di lui di qualche anno, fu il comando, sempre su questi popoli, di Q. Macedonico, comando che fu tanto severo che, quando si trattò di assediare la città di Contrebia, in Spagna, anche se ben cinque coorti legionarie erano state respinte in un luogo svantaggioso, prontamente ordinò loro di farsi sotto, e [5.3] mentre tutti facevano testamento, perché pensavano che sarebbero andati a morte certa, senza minimamente desistere dal proposito, quel soldato che stava per morire, lo riaccolse vincitore: tanto poté la vergogna unita al timore e la speranza suscitata a causa della disperazione. Costoro divennero famosi per la loro virtù e la loro severità, ma in Spagna fu Fabio Emiliano figlio di Paolo ad essere il più famoso per l'esempio e la disciplina.